top of page
20191001_174845.jpg

RICOSTRUZIONE, CURA DEL TERRITORIO,
AMBIENTE E TRANSIZIONE ECOLOGICA

Mentre faticosamente cerchiamo di risollevarci dalle alluvioni del maggio '23 è necessario agire per il ripristino e il riassetto del territorio con la consapevolezza che la portata degli eventi ci chiama ad una riflessione seria sul nostro modo di considerare l’ambiente, di conservarlo e di poterlo vivere dignitosamente. Supporto sarà dato prioritariamente alle famiglie che ancora non sono potute rientrare nelle loro abitazioni, così come a chi ancora deve sostenere i costi e i disagi dei ripristini post alluvione.La politica montana torni ad essere centrale nel Comune e nell’ambito dell’Unione. La manutenzione ordinaria delle strade attraverso le buone pratiche di pulizia dei cigli e delle scarpate, il mantenimento in efficienza di tutta la rete scolante, il controllo e la verifica di edifici pubblici e delle infrastrutture comunali sarà un impegno preciso e costante dell’azione amministrativa. Sfatiamo il binomio totalizzante ed enfatizzato che manutenzione sia uguale solo ad asfalto. Manutenzione è molto altro.  Anzi, lo stato delle strade e la composizione dei terreni impone che ci sia una valutazione a monte, strada per strada, di quali operazioni preliminari all’asfalto siano necessarie per garantire un risultato di qualità duraturo nel tempo.Inderogabile la necessità di un sistema di organizzazione nuovo con le ditte che operano sulle strade del territorio e in particolare con quelle riferite alla posa della dorsale di fibra ottica fino a San Martino in Gattara.

È necessario inoltre segnalare e realizzare in maniera più adeguata le opere previsionali di frane che interessano le strade comunali.La cura del territorio deve diventare una priorità rinforzando la struttura tecnica comunale in un’ottica di servizio per la collina (area ex-comunità montana). Negli ultimi anni vi è stato un avanzo di bilancio di svariati centinaia di migliaia di euro di investimenti non realizzati perché l’attuale Amministrazione non è stata in grado di progettare e realizzare opere pubbliche. Esempi sono la mancata ristrutturazione del teatro Pedrini, la mancata soluzione per una piscina comunale e la grave situazione dei cimiteri in tutte le frazioni. Inoltre in molti dei campisanti è molto difficile trovare un loculo in cui tumulare i propri cari defunti. Indecorosa è lo stato di degrado della camera mortuaria. Sarebbe limitato attribuire le cause solamente all’alluvione. La crisi climatica che stiamo vivendo impone all’umanità di valutare ogni azione in chiave di sostenibilità ambientale. Sostenibilità intesa nel suo significato originario, cioè di scelte che guardino molto avanti nel tempo per garantire risorse anche alle generazioni future. Utilizzeremo tutti i bandi e i finanziamenti disponibili per completare entro il quinquennio la progettazione e il rinnovo di tutti i punti luce del Comune. Andranno valutati correttamente i costi e i benefici per i cittadini o le imprese interessate a parteciparvi.  Occorre anche investire per dotare ulteriormente gli edifici pubblici di ulteriori fonti di produzione di energia da rinnovabili (pannelli fotovoltaici) e aumentare sensibilmente il risparmio energetico negli edifici comunali.

Rifiuti e raccolta differenziata

I dati ci vedono all’ultimo posto all’interno dell’Unione della Romagna faentina in termini di raccolta differenziata con una percentuale del 57%. Il Comune di Riolo Terme ci supera di circa 30 punti.I cittadini devono essere informati e coinvolti nel raggiungimento di un obiettivo di un sensibile miglioramento delle percentuali nei modi che saranno valutati anche alla luce di esperienze non sempre positive dei comuni che hanno sperimentato o introdotto sistemi di raccolta spinta come il porta a porta.Vanno coinvolte nell’opera di informazione le nuove generazioni che hanno più consapevolezza con le tematiche ambientali in particolare in materia di gestione dei rifiuti affinché aiutino le generazioni più anziane ad acquisire maggiore competenze nella corretta differenziazione dei rifiuti.Vanno aumentati i controlli in particolare rispetto ad abbandoni di rifiuti speciali e pericolosi.  Raggiunto un buon grado di raccolta differenziata potrà essere introdotta anche la tariffa puntuale che porterebbe il passaggio dalla tassa alla tariffa, così da poter risparmiare il 10% di iva.È molto importante che il sistema di raccolta dei rifiuti non riduca o peggiori il decoro urbano in particolare dei centri storici.

Fiume Lamone

Il fiume Lamone che solca lento il nostro Comune per oltre 20 chilometri e che sin dall’antichità ne ha rappresentato la via di comunicazione principale, con l’alluvione è tornato alla ribalta della cronaca come sorvegliato speciale. Sarebbe vana la tragedia dell’alluvione che ci ha colpito se non si arriva a pensare che, considerandolo come elemento integrale e integrante dell’areale, è necessario un nuovo approccio alla gestione del fiume e degli altri corsi d’acqua, alla pulizia degli alvei dagli accumuli di legname, ad una corretta e rispettosa manutenzione degli argini e delle aste fluviali. Per questo motivo riteniamo opportuno tornare a considerare il fiume come elemento vitale del nostro habitat con un nuovo approccio. Partecipare attivamente al progetto intercomunale Contratto di Fiume - Terre del Lamone curato da enti e associazioni che mira a riqualificare tutto il percorso fluviale che va dalla sorgente fino alla foce. Esplorare la possibilità di vivere il fiume anche dal punto di vista turistico, culturale e aggregativo creando percorsi dedicati per conoscerlo come tipo di ambiente, coinvolgendo anche le scuole e le università.

Parchi Pubblici

I Parchi sono luoghi di relazione e di piacere, ma per esserlo devono essere pensati come tali. Si possono creare parchi a tema che siano parte di un unico circuito e che siano presentati come un progetto integrato e coordinato tra i parchi presenti nel centro e nelle frazioni.È necessaria una riqualificazione in ottica di ammodernamento dei giochi presenti con l’impegno a garantire una buona accessibilità anche ai bimbi disabili. È importante anche la cura e la manutenzione dei giochi presenti ed è necessario prevedere, a fronte delle estati sempre più calde, anche punti o soluzioni innovative in cui potersi rinfrescare.Appare importante riservare, come già avviene in altri Comuni e anche in ottica turistica, spazi appositi per lo sgambo dei cani, dove cani e padroni possono entrare liberamente.

bottom of page